Categorie
ritagli

É un mondo di insopportabili.

I termini del dilemma dell’uomo contemporaneo sono la considerazione, che é pur verissima, per cui le persone sono divenute tutte insopportabili, da un lato, e la necessità, ma anche opportunità, di continuare a relazionarsi con loro, i celebri «altri», dall’altro.

A ben guardare, il mondo di oggi appare come una gigantesca cospirazione per far diventare tutti cristiani, perché solo mettendo qualcosa di superiore e di intrinsecamente saggio si possono affrontare situazioni che paiono irrisolvibili con la logica solo del mondo.

In tutto questo, sui social, nei bistrot, nelle palestre, nei luoghi di lavoro e nelle scuole la gente continua ad elargire consigli profondamente demenziali ed estremamente disfunzionali come quello di «trattare gli altri come loro trattano te», un metodo che non può che condurre, ed in tempo assai breve, al fallimento relazionale più totale.

Come diceva Chesterton, se si può divorziare per «incompatibilità», allora c’è davvero da meravigliarsi che non divorzino tutti, dal momento che uomo e donna sono, come é evidente da sempre, incompatibili tra loro e il matrimonio è semplicemente un duello all’ultimo sangue che nessun uomo e donna d’onore possono, nonostante questo e anzi proprio per questo, permettersi di rifiutare.

Oggi la sfida é andare contro l’evidenza, perché il cuore, da solo, ha sempre più ragione di mille ragioni, e perdonare settanta volte sette, come ci insegna il nostro grande Maestro, e poi andare avanti, nonostante tutto, a voler bene in modo autentico anche a chi ci ha ferito, deluso, mancato di rispetto, giudicato, anche perché noi stessi, nessuno escluso, abbiamo bisogno, per primi, di essere perdonati.

✅ prova il counseling – per info 👉 whatsapp 059 761926 💚

Categorie
counseling

10 cose sul perché le relazioni oggi non vanno.

1) Non hai ricevuto alcuna formazione su come, ad esempio, puoi fare per far sentire amata una persona: la scuola ti ha preparato solo per il lavoro, non per la tua vita personale – questa è quella che io chiamo educazione per gli schiavi.

2) In molte relazioni, in quasi tutte, non c’è l’ascolto e, quando manca l’ascolto, manca anche una relazione autentica.

3) L’ascolto manca perché richiede una serie di requisiti che possono esserci solo in una persona con un livello evolutivo medio – alto: non giudizio, ascolto anche di ciò che l’altro non dice, rinuncia a capire o mentalizzare, focalizzazione mentale, disponibilità ad ascoltare anche argomenti sgradevoli.

4) Il modello con cui ti relazioni con gli altri é più quello competitivo che quello collaborativo, vuoi più apparire che essere, senza considerare che ciò é tipico di chi ha bassa autostima.

5) La ferita narcisistica che hai, che é in ognuno di noi, è spaventata dal raggiungimento di una vera intimità con l’altro: il narcisista non vuole una connessione autentica, ma solo un pubblico, peraltro sostituibile con altro pubblico, quindi fungibile – per lui non sei una persona unica: al tuo posto é uguale anche se ce n’è un’altra.

6) La scuola non ti insegna come gestire in modo funzionale le relazioni; ti potrebbe aiutare la grande letteratura del passato, che contiene la vera anima dell’uomo, ma tu, anziché leggere ad es. Anna Karenina, guardi demenziali serie TV americane woke dove mostrano relazioni di plastica, finendo tragicamente per credere che le relazioni funzionino in quel modo anche nella realtà.

7) Hai creduto alla gigantesca bugia, creata dalla politica per scopi di sfruttamento, dell’uguaglianza uomo e donna, quando maschi e femmine sono, tutto al contrario, fatti in modo opposto ed è impossibile gestire in modo anche solo minimamente adeguato una relazione con una persona dell’altro sesso senza tener conto di tale diversità, che poi é una ricchezza; corri a comprare e leggere il libro di John Gray!

8) Credi alle frottole degli «interessi comuni» e altre boiate del genere in cui sembrano credere tutti, ponendo per la tua relazione obiettivi stupidi, demenziali e irrealizzabili… Chesterton diceva invece

«mi riferiscono che si può divorziare per incompatibilità, se questo è vero mi meraviglio che non abbiano divorziato tutti, perché l’uomo e la donna fondamentalmente sono incompatibili e la sfida del matrimonio é proprio riuscire ad andare oltre quella incompatibilità».

9) Credi di poter restare innamorato tutta la vita, quando il periodo dell’innamoramento dura due anni, massimo due e mezzo quando contrastato, e, dopo, la relazione deve essere sostenuta da altro; prendi il libro dei 5 linguaggi dell’amore e studialo bene.

10) Ti lascio con un passaggio altissimo della grande letteratura: le relazioni sono una lotta e una sfida quotidiana, un mettersi in discussione costante, farsi piccolo per l’ascolto e grande per l’aiuto, un lavoro che si fa non per odio di quel che si combatte, ma per amore di quel che si protegge, come conviene a ogni buon cavaliere. Se una relazione finisce, o va in difficoltà, non attaccarti mai alla stessa, ma prendi congedo con queste parole dell’Enrico V di Shakespeare, dove c’è l’essenza di ogni relazione, da vivere sempre con mancanza di attaccamento:

«Chi per questa battaglia non ha fegato che parta pure: avrà un salvacondotto e denaro pel viaggio nella borsa. Non ci garba di morire in compagnia di chi ha paura di morir con noi».

1️⃣ condividi ora questo contenuto, se pensi che possa essere utile o interessante per altri

2️⃣ iscriviti subito al blog, al podcast, al canale youtube e tiktok e all’account instagram di terre dell’anima per ricevere gratis altri contenuti come questo

3️⃣ 🎯 chiama lo 059 761926 per prenotare la tua seduta di counseling 😊